Serie AEditoriale

Juve: partenza horror come nel 2015, ma oggi è diverso

Juve: partenza horror come nel 2015, ma oggi è diverso.

Come nel campionato 2015/2016 la Juventus si ritrova con 1 punto in tre giornate. A quel tempo la sconfitta casalinga contro l’Udinese, il pareggio col Frosinone e la sconfitta contro il Napoli, fino ad arrivare al culmine contro il Sassuolo compromisero la stagione a Massimiliano Allegri. La Juve, però, allora fece una rimonta assurda, vincendole, poi, tutte e trionfando con lo scudetto.

Stessa storia anche quest’ anno con lo stesso uomo in panchina. La Juve potrà ripetersi?

L’ analisi

C’è da dire che oggi è diverso, molto diverso.

La Juve nel 2015 aveva bisogno di ritrovarsi, ritrovare gli stimoli giusti e tirare fuori gli attributi. Cosa che poi ha effettivamente fatto.La Juventus del 2015-16 era una squadra reduce da una finale di Champions League, piena zeppa di giocatori di esperienza, personalità d’acciaio e caratteri vincenti. C’erano Buffon, Barzagli, Bonucci, Chiellini, Evra ( che prese la parola nello spogliatoio dopo il Sassuolo), Khedira, Mandzukic. Una squadra con carattere da vendere che alla fine ne è uscita fuori.

La differenza con la Juventus attuale riguarda proprio questo. In questo momento, tolti Chiellini e Bonucci, la Juve ha carenza di leader. Una partenza da horror per la Juve non fa si che si debba ritrovare, ma che si riparti da zero. Oltre i risultati che mancano, c’è ancora troppa confusione tattica, troppi errori, soprattutto personali ( Szczesny disastroso), poca fame. Massimiliano Allegri ha una sfida ardua davanti, sarà ancora più complicato riuscirci e magari ripetersi. La Juve deve ricostruire il tutto, trovare il gruppo, dei leader in campo e quella voglia che contraddistingue lo spirito bianconero.

I tifosi dopo 9 anni di glorie si aspettano di non vincere, è vero, ma non in questo modo, non così.

Riuscirà Allegri a far ripartire la Juventus? È stato scelto per questo. La squadra è giovane e c’è molta fiducia, ma ora è tempo di dimostrarlo e c’è tanto da lavorare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *